|venerdì, ottobre 20, 2017
You are here: Home » ITALIA PLURALE » Il mio sciopero della fame contro l’ingiustizia sociale

Il mio sciopero della fame contro l’ingiustizia sociale 

KHALID-CHAOUKI-iloveimg-resized

Come ho già comunicato pochi giorni fa, ho deciso di aderire con forte convinzione allo sciopero della fame inaugurato dal collega Luigi Manconi.
Per troppo tempo abbiamo rimandato la battaglia per i diritti degli italiani di seconda generazione e, dopo mesi di lavoro e negoziati, non possiamo e non dobbiamo permettere che si portino avanti dei giochi di potere sulla pelle di tutte quelle persone che da anni chiedono di essere riconosciuti come parte integrante della società in cui vivono.

Con questo sciopero, noi puntiamo a mandare un forte segnale al premier Paolo Gentiloni e al resto del Governo affinché si riesca a raggiungere uno dei traguardi più importanti per la nostra società e per gli 800 mila ragazzi senza cittadinanza italiana che attendono questa riforma.

Ragazzi che, a prescindere dalle loro origini, lavorano, vivono e sognano esattamente come chiunque altro. Lo Ius Soli non servirebbe solo a riconoscerli come cittadini ma anche a porre fine a questa ingiustizia sociale nei loro confronti.

Ingiustizia che non possiamo permetterci di sottovalutare.

Per tale motivo rinnovo la mia volontà di continuare nello sciopero della fame. Per un’Italia migliore, per un’Italia Plurale.

Related posts: